© 2019 - Tutti i diritti sono riservati

 

 

Carlo Cappella, durante la sua intensa attività culturale varia e collaborativa, è stato onorato per il suo talento singolare con molti riconoscimenti, nomine, diplomi, targhe di merito, coppe, medaglie e dediche.

Per i suoi meriti culturali e per l'esaltazione della comunità termolese, ha lasciato un'impronta indelebile del suo passaggio terreno.

Di seguito si riportano alcune delle onorificenze a lui concesse dopo la sua morte:

  • 2009 - Targa ricordo affissa sull'antica Torretta Normanna sita di fronte all'ingresso del Borgo vecchio dove egli fondò l' Archivio Storico Termolese.

       

  • 2009 - I° EDIZIONE DEL PREMIO SPECIALE "CARLO CAPPELLA" per la migliore poesia in vernacolo termolese. Si tiene ogni anno a Termoli ed è riservato ai poeti 'in erba' delle scuole primarie e secondarie di primo grado della Regione Molise.

  • 2010 - I° EDIZIONE DEL CONCORSO NAZIONALE DI POESIA DIALETTALE "CARLO CAPPELLA" promosso da Padre Enzo Ronzitti, presidente dell'Associazione culturale " 'A PARANZE". Si tiene ogni anno a Termoli ed è riservato ai poeti adulti di tutte le regioni italiane.

        

                                                                  

  • 2011 - I° CONVEGNO D' AUTUNNO "ANPOSDI" ( Associazione Nazionale Poeti e Scrittori Dialettali Italiani) indetto in onore di Carlo Cappella dal presidente M. Staltari. Si tiene a Termoli con cadenza quinquennale.

      

                                                                     (l'immagine è riferita alla locandina della seconda edizione)

  • 2013 - Una targa ricordo dell' Archeoclub  apposta all'ingresso della casa natale sita in via Sannitica nr. 3 a Termoli

 

      

  • 2018 - Sabato 1 dicembre a mezzogiorno, è stata inaugurata sul corso nazionale di Termoli una statua bronzea di Carlo Cappella, omaggio dell'amministrazione comunale guidata dal Sindaco Avv. Angelo Sbrocca..La scultura finanziata dalla famiglia Larivera è opera dell'artista e scultore Gianluca Spanu, di origini termolesi, ed è stata realizzata presso la fonderia d'arte di Bari.